Sei un professionista che opera mediante contratti di vendita o servizi online?

Dal 15 febbraio 2016 la Commissione europea ha attivato una piattaforma per aiutare i consumatori e i commercianti a risolvere controversie derivanti da acquisti online.

L’attivazione della nuova piattaforma per consumatori e commercianti comporta per tutti i professionisti che offrono servizi online l’inserimento nei propri siti web di un link al sito della Commissione che renda disponibile al pubblico informazioni riguardanti la piattaforma ODR. (approfondimenti sulla piattaforma)

Di seguito gli Articoli da cui si evince l’obbligo di inserimento del link della Commissione:

Il REGOLAMENTO (UE) N. 524/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 maggio 2013 relativo alla risoluzione delle controversie online dei consumatori e che modifica il regolamento (CE) n. 2006/2004 e la direttiva 2009/22/CE (regolamento sull’ODR per i consumatori) all’Articolo 14 Informazione dei consumatori recita:

al comma 1: 

“1. I professionisti stabiliti nell’Unione che operano mediante contratti di vendita o servizi online e i mercati online stabiliti nell’Unione, forniscono nei loro siti web un link elettronico alla piattaforma ODR. Tale link deve essere facilmente accessibile ai consumatori. I professionisti stabiliti nell’Unione operanti mediante contratti di vendita o di servizi online indicano altresì i propri indirizzi di posta elettronica.”

al comma 2:

“2. I professionisti stabiliti nell’Unione, che operano mediante contratti di vendita o servizi online, che si sono impegnati o sono tenuti a ricorrere a uno o più organismi ADR per la risoluzione delle controversie con i consumatori, informano i consumatori in merito all’esistenza della piattaforma ODR e alla possibilità di ricorrere alla piattaforma ODR per risolvere le loro controversie. Essi forniscono un link elettronico alla piattaforma ODR sui loro siti web e, se l’offerta è fatta mediante posta elettronica, nella posta elettronica stessa. Le informazioni sono fornite altresì, se del caso, nelle condizioni generali applicabili ai contratti di vendita e di servizi online.”

Il presente regolamento si applica a decorrere dal 9 gennaio 2016

DIRETTIVA 2013/11/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 maggio 2013 sulla risoluzione alternativa delle controversie dei consumatori, che modifica il regolamento (CE) n. 2006/2004 e la direttiva 2009/22/CE (Direttiva sull’ADR per i consumatori)

Articolo 15 Informazioni generali 1.

“Gli Stati membri garantiscono che gli organismi ADR, i centri della rete dei Centri europei dei consumatori e, se del caso, gli organismi designati a norma dell’articolo 14, paragrafo 2, rendano disponibili al pubblico sui loro siti web, fornendo un link al sito della Commissione, e laddove possibile su supporto durevole nei loro locali, l’elenco degli organismi ADR di cui all’articolo 20, paragrafo 4.”

Normativa di Riferimento:

Per approfondimenti:

About The Author

Comments

  1. Pingback: Controversie online: attivato portale per aiutare i consumatori e i commercianti a risolvere controversie derivanti da acquisti online - HelpDesk Farnedi ICTHelpDesk Farnedi ICT

Lascia un commento o richiedi supporto con il pulsante "Aiuto"